Accordo tra Mps e il sindacato dei bancari italiani

0

Raggiunto un accordo tra la Fabi (Federazione autonoma bancari italiani) e Monte dei Paschi di Siena. La Banca Centrale europea chiedeva un abbassamento del costo del personale di circa 200 milioni di euro. Quanto segue è quanto rende noto il coordinamento del sindacato dei bancari:

“E’ un accordo – spiega la Fabi – nel segno dell’equità sociale: tutela i dipendenti anche in vista di future ristrutturazioni e respinge l’impostazione iniziale dell’azienda che voleva far pagare solo ai lavoratori l’ulteriore taglio dei costi di circa 200 milioni voluto dalla Bce. Grazie a un duro e delicato lavoro di negoziazione, abbiamo ricostruito il contratto aziendale, da 3 anni disapplicato, e abbiamo preteso che i sacrifici fossero sostenuti soprattutto dai vertici, contenendo notevolmente gli impatti del piano sui lavoratori. Inoltre – conclude la Fabi -, con questo accordo abbiamo stabilito che le prossime eventuali future tensioni occupazionali nel Gruppo potranno essere gestite solamente con gli ammortizzatori sociali di categoria, escludendo la possibilità per l’azienda di ricorrere ai licenziamenti collettivi o per giustificato motivo economico”.