Crisi economica, come ne esce l’Europa

0

L’invasione russa dell’Ucraina e la reazione del mondo potrebbero avere ripercussioni di ampia portata sull’economia europea, dall’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari alle sanzioni economiche che colpiscono il commercio e gli investimenti.

Ciò a sua volta influenzerà la rapidità con cui l’economia si rimetterà in piedi dopo due anni di pandemia di coronavirus e la capacità dei responsabili politici, tra cui la Banca centrale europea, di ridurre le misure di sostegno di emergenza. Di seguito sono riportate alcune variabili e vulnerabilità chiave.

Qual è il probabile impatto sull’economia di tutta l’Europa?

L’escalation delle tensioni in un vero e proprio conflitto ha il potenziale per generare un’inflazione immediata e rapida dei prezzi dei carburanti e dei generi alimentari.

I paesi dell’Unione Europea acquistano il 41,1% del gas importato dalla Russia e il 27% del petrolio: quindi, qualsiasi restrizione delle forniture porterebbe rapidamente a un aumento dei prezzi dell’energia. Ciò si ripercuoterebbe sull’economia da bollette di riscaldamento e carburante più elevate a trasporti ed elettricità più costosi per le imprese.

Anche le scorte di cibo sarebbero probabilmente colpite. Il gas naturale è il componente principale di molti fertilizzanti, quindi i costi più elevati del gas probabilmente farebbero aumentare i prezzi di tutti i raccolti. Separatamente, l’Ucraina ha esportato oltre 33 milioni di tonnellate di grano l’anno scorso, quindi qualsiasi interruzione si sarebbe riverberata sui mercati globali, inclusa l’Europa.

Nel complesso, Bank of America Securities stima che un’escalation potrebbe spingere l’inflazione della zona euro da 1 punto al 4% per il 2022.

Commercio e investimenti: quanto ne risentiranno

Ciò dipenderà dalle nuove sanzioni che saranno studiate dai leader dell’UE in un vertice di emergenza del 24 febbraio. Saranno “il pacchetto di sanzioni più severo che abbiamo mai implementato”, ha affermato Josep Borrel, capo della politica estera del blocco. Per saperne di più

L’esposizione all’esportazione della zona euro verso la Russia si è all’incirca dimezzata dallo scontro sulla Crimea nel 2014, poiché le aziende europee cercavano di assicurarsi partner commerciali alternativi.

Le esportazioni dell’UE verso la Russia ammontano ora a 80 miliardi di euro (89,31 miliardi di dollari) di beni all’anno, pari allo 0,6% del PIL dell’UE. Si tratta principalmente di macchinari e automobili, prodotti chimici e manufatti.

Tra i paesi dell’UE, la Germania è sia il più grande esportatore che importatore della Russia; Francia, Paesi Bassi, Polonia, Italia e Belgio hanno tutti un commercio considerevole.

“L’arrivo di forti sanzioni contro la Russia avrà un certo impatto sull’economia dell’UE e dobbiamo essere pronti per questo”, ha detto a Reuters il vicepresidente esecutivo della Commissione europea Valdis Dombrovskis il 23 febbraio a L8N2UY6WC.

L’UE è anche il più grande investitore estero in Russia con un investimento diretto totale di 311,4 miliardi di euro nel 2019. Ciò però impallidisce rispetto ai 2,16 trilioni di euro che le aziende dell’UE hanno investito negli Stati Uniti.

L’investimento russo nell’UE è ancora inferiore a 136 miliardi di euro. A seconda della gravità di eventuali sanzioni e contro-sanzioni, la presenza europea in Russia in parte o in parte potrebbe risentirne.

“Sulla carta è molto, ma questa è solo una piccola parte degli investimenti diretti esteri complessivi delle società dell’UE”, ha affermato Daniel Gross, capo del think tank CEPS a Bruxelles, che ha aggiunto di vedere pochi rischi che Mosca voglia espropriare gli impianti gestito da società dell’UE a causa delle complessità legate alla loro gestione.

Zona Euro ed impatto globale, possibili conseguenze?

Chiaramente negativo. L’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari indebolirebbe il potere d’acquisto delle famiglie e eroderebbe la fiducia. I consumi verrebbero colpiti rapidamente e gli investimenti probabilmente diminuirebbero nelle settimane e nei mesi successivi.

“Le nuvole geopolitiche che abbiamo sull’Europa, se dovessero concretizzarsi, avrebbero sicuramente un impatto sui prezzi dell’energia e, attraverso i prezzi dell’energia, un aumento dei costi in tutta la struttura dei prezzi”, ha affermato all’inizio di febbraio la presidente della BCE Christine Lagarde. citando i successi ai consumi e agli investimenti.

Inoltre, poiché i prezzi elevati dell’energia colpiscono più duramente le famiglie a basso reddito, è probabile che i governi introducano sussidi, che a loro volta eserciterebbero una maggiore pressione sulle casse statali già stremate dalle misure di sostegno alla pandemia.

Lo studio della Bank of America ha stimato che un’escalation metterebbe a rischio 0,5 punti percentuali della produzione europea direttamente a causa del freno ai consumi privati. Molti consumatori hanno accumulato riserve sotto forma di risparmi in eccesso accumulati durante la pandemia, ma alcuni di questi risparmi sono già stati erosi dall’aumento delle bollette del carburante.

La posizione della BCE

La sfida per la BCE, che definisce la politica monetaria per i 19 paesi che condividono l’euro, è che il conflitto in Ucraina ha il potenziale sia per aumentare le pressioni inflazionistiche sia per deprimere l’attività economica.

Normalmente, i responsabili politici della BCE guardano oltre la volatilità a breve termine perché la politica è efficace solo tra 12 e 18 mesi. Tuttavia, con l’inflazione già a un livello record del 5,1% e la BCE che prevede di allentare lo stimolo nei prossimi mesi, potrebbe subire pressioni per agire più rapidamente per cercare di contrastare ulteriori aumenti dei prezzi, anche se ciò rischiava di incidere sulla produzione futura.

Altri sostengono che questa sia precisamente la ragione per rimanere cauti e non fissare una data fissa per porre fine al principale programma di acquisto di asset della BCE, come hanno fatto alcuni politici della BCE prima dell’invasione russa.

“A giudicare la situazione dal punto di vista odierno, preferirei una prosecuzione dell’APP almeno fino alla fine dell’anno, oltre settembre”, ha detto a Reuters il governatore della Banca di Grecia Yannis Stournaras, membro del Consiglio direttivo della BCE.

Questo è ciò che probabilmente i politici della BCE discuteranno quando si incontreranno a Parigi il 24 febbraio per quello che inizialmente era stato annunciato come un incontro informale. Aiuterà a plasmare le loro decisioni alla prossima riunione politica del 10 marzo