Home Finanza e Mercati Fca, l’ad Sergio Marchionne incassa bonus multimilionario

Fca, l’ad Sergio Marchionne incassa bonus multimilionario

0
Fca, l’ad Sergio Marchionne incassa bonus multimilionario

Marchionne incassa un bonus elevatissimo per avere centrato i target previsisti dal piano industriale al 2018.

L’ad di Fca, Sergio Marchionne, può davvero sorridere dopo avere incassato alla fine di ottobre più che lauti compensi sotto forma di bonus azionari. Il dirigente italo-canadese si è visto accreditare circa 2,8 milioni di azioni per un valore complessivo di 43,7 milioni di euro sulla base dell’attuale andamento del titolo Fca in Borsa. E’ questo il premio che si è visto assegnare per gli obiettivi raggiunti. Marchionne, ha venduto un milione di azioni del pacchetto per adempiere a obblighi fiscali, maturando il diritto di riscuotere i titoli poiché il Gruppo, per gli ottimi risultati finanziari raggiunti nell’esercizio 2016, ha centrato i target previsti dal piano industriale al 2018.

Il patrimonio globale di Marchionne ammonta a 530 milioni e comprende non soltanto azioni di Fca, ma anche della Cnh e della Ferrari. Le azioni complessive del gruppo automobilistico italo-americano sono 16.415.500 per un valore complessivo di 256,4 milioni di euro, oltre 11,86 milioni quelle della Cnh (pari a 133 milioni) e 1,46 milioni per la Ferrari. Una ricchezza che alla scadenza del piano industriale quinquennale potrebbe accrescersi a dismisura. Se il manager centrare ancora gli obiettivi riceverebbe ulteriori pacchetti di azioni che ammonterebbero a 450 mila titoli dalla Ferrari e 3,9 milioni da FCA.

Un”tesoretto” davvero cospicuo per Marchionne ha beneficiato dell’andamento positivo in Borsa dei tre titoli. Le azioni del Cavallino Rampante hanno fatto un balzo di oltre il 100% negli ultimi dodici mesi fino a toccare quoita 100 euro di valore. La Fiat Chrysler Automobiles ha invece ottenuto guadagni nello stesso periodo del142% e la Cnh il 74%. Complessivamente le tre società oggi hanno un valore di Borsa di oltre 58 miliardi di euro, molto più dei 51 miliardi della General Motors.