Guerra in Europa, le conseguenze

0

Le ricadute economiche della guerra in Ucraina colpiranno duramente l’Unione Europea. Ma le spinose domande su chi esattamente subirà il maggior dolore economico, e se alcuni di questi costi saranno condivisi, potrebbero inciampare nella capacità del blocco di rimanere unito contro la Russia. Per ora, i politici hanno un messaggio: non sarà economico, ma ne varrà la pena.

“Siamo consapevoli che ciò comporterà costi per l’economia europea, ma la risposta non è alleviare la pressione sulla Russia”, ha affermato giovedì il primo ministro italiano Mario Draghi, mentre i leader si sono riuniti per un vertice informale a Versailles. “La risposta è lavorare insieme, sostenere le nostre economie, sostenere il potere d’acquisto delle famiglie, sostenere le nostre aziende”.

Per l’Italia e la Francia, la strategia preferita consiste nel mettere in comune alcuni di questi costi emettendo nuovo debito dell’UE per rafforzare la sicurezza e la difesa energetica. Questa è una non partenza per Germania, Svezia e Paesi Bassi, i cui leader hanno respinto con forza la scorsa settimana.

Quel respingimento è stato abbastanza forte che il presidente francese Emmanuel Macron ha deciso al vertice di dare il via al dibattito dell’UE sull’emissione di più eurobond lungo la strada. Ma la questione più ampia dell’impatto economico della guerra, e di cosa può fare l’UE per cercare di contenere i danni alla ripresa del blocco, è ancora molto viva. Lunedì e martedì attirerà l’attenzione dei ministri delle Finanze durante l’incontro a Bruxelles.

“C’è una crescente consapevolezza che ci sarà una qualche forma di condivisione dei costi economici di questa crisi”, ha affermato Nils Redeker, autore di un recente articolo del Jacques Delors Center di Berlino che mappa l’impatto economico della guerra sull’UE. “Dovremo mantenere un fronte unito verso la Russia, e se è molto più costoso per alcuni Stati membri che per altri, mantenere questo fronte sarà più difficile”.

L’altra sfida è che l’incertezza sul corso della guerra significa che è difficile dare un prezzo ai possibili rimedi. Ma non c’è dubbio che il conflitto e le sue ricadute incideranno considerevolmente sulla produzione, affermano gli esperti.

In una delle prime grandi stime dell’impatto della guerra, la Banca centrale europea ha ridotto le sue previsioni di crescita per l’area dell’euro al 3,7 per cento, in calo di 0,7 punti percentuali rispetto a dicembre, quando giovedì ha pubblicato le ultime previsioni . Altri sono andati oltre, tra cui Goldman Sachs, che ha ridotto di 1,4 punti percentuali la stima del PIL per l’area della moneta unica.

Il colosso assicurativo Allianz, nel frattempo, sta “guardando almeno mezzo punto a un punto di crescita del PIL già rasato in Europa”, secondo il suo capo economista Ludovic Subran.

La Commissione, da parte sua, sta cercando di evitare allarmismi, affermando che la guerra avrà un impatto sulla crescita nell’UE ma non la farà deragliare. Ma i paesi stanno parlando e dicendo che dovranno prepararsi per il conto che porterà la guerra.

In una riunione video dei ministri delle finanze dell’UE la scorsa settimana, l’Italia ha affermato che prevede di tagliare la crescita di 0,7 punti percentuali a causa delle interruzioni del commercio, della perdita della Russia come mercato di esportazione e dell’inflazione, hanno detto tre diplomatici a POLITICO. È probabile che anche Cipro, che fa affidamento sul turismo per il 20% del suo PIL, rinunci a una grande quota delle entrate, poiché i russi costituiscono un quinto dei suoi visitatori.

La Bulgaria, nel frattempo, ha chiesto alla Commissione di gestire uno “scenario di Chernobyl” in base al quale un disastro nucleare in Ucraina distruggerebbe gran parte della sua produzione agricola, hanno affermato i diplomatici. “Colpisce tutti, è uno shock esterno, ma è asimmetrico nelle sue conseguenze”, ha riassunto Redeker.

Interdipendenza armata

La conseguenza più evidente riguarda la dipendenza dell’Europa dal gas russo. L’UE riceve circa il 40% delle sue importazioni totali di gas dalla Russia, ma per Austria, Ungheria e Polonia arriva all’80% e al 100% in Bulgaria, Estonia e Lettonia. La Germania e l’Italia, i maggiori importatori di gas del blocco, fanno affidamento sulla Russia rispettivamente per oltre la metà e un terzo del loro gas, quindi qualsiasi shock nell’offerta avrebbe gravi conseguenze lì.

Anche al di fuori delle interruzioni della guerra, l’aumento dei prezzi del gas ha portato con sé i prezzi dell’elettricità a causa del cosiddetto sistema di prezzi marginali utilizzato nell’UE. All’inizio di questo mese, hanno superato il livello record di 200 euro per megawattora. Ciò è particolarmente punitivo per i paesi con inverni freddi e alti tassi di “povertà energetica”, come gran parte dell’Europa centrale e orientale. Ma anche le economie ad alta intensità energetica, come la Finlandia ei paesi del Benelux, sono duramente colpite.

Altri effetti a catena potrebbero essere avvertiti anche attraverso il commercio. Il commercio con la Russia costituisce una piccola parte del commercio totale con l’UE, ma fornisce un gran numero di materie prime al blocco e dipendenze specifiche potrebbero devastare le catene di approvvigionamento. Il legno russo rappresenta la metà delle importazioni finlandesi, mentre il palladio, di cui la Russia controlla il 40% della produzione mondiale, è un input chiave per il settore automobilistico in Germania e in Italia.

Un’altra merce chiave è il grano, dato che Russia e Ucraina sono rispettivamente il primo e il quinto maggior esportatore di grano al mondo, dove i prezzi sono balzati ai massimi da 14 anni a causa dei timori per le forniture globali.

Poi c’è l’inflazione, anch’essa destinata a crescere ulteriormente e a rimanere più alta più a lungo del previsto. Queste pressioni hanno costretto la BCE giovedì ad annunciare una riduzione più rapida del suo programma di acquisto di obbligazioni. Uno dei principali motori dell’inflazione continua ad essere l’inflazione energetica, per la quale non si vede alcun sollievo. Un barile di petrolio Brent è stato scambiato a oltre $ 120 al barile mercoledì, livelli che non si vedevano dal 2008, prima di scendere a $ 109 lunedì.

“Se abbiamo $ 150 al barile, o € 200 per [megawattora] per il gas, stiamo parlando di un’inflazione del 6% per l’eurozona”, ha affermato Subran di Allianz. “Non c’è una vera e propria recessione da prima pagina. Ma è molto costosa per il settore produttivo, e forse più costosa per alcuni paesi rispetto ad altri”.