Il ritorno del “politico” in Europa

0

La guerra di Putin ha imposto il ritorno del “politico” nell'”economia politica internazionale”. Quando si tratta della Russia, una coalizione di stati ha riordinato gli incentivi economici dell’economia internazionale da una “logica di mercato” economica del profitto che era cieca alle atrocità internazionali, verso una strategia economica carica di valore in difesa dei diritti umani.

Una previsione vecchia di 40 anni

Nel 1982, Charles Lindblom pubblicò “The Market as Prison” , in cui sosteneva che lo spazio politico dei governi statali democratici basati sul mercato era limitato dai vincoli del mercato economico. Se scegliessero di perseguire politiche contrarie alla “logica di mercato” di una regolamentazione leggera, tasse basse e l’eliminazione delle barriere commerciali, si troverebbero ad affrontare un contraccolpo del mercato sotto forma di riduzione degli investimenti, calo del PIL e aumento della disoccupazione. La pressione sarebbe particolarmente acuta sui mercati internazionali delle valute e del debito sovrano, dove un forte contraccolpo porterebbe a una perdita di sostegno presso la corte dell’opinione pubblica e, in definitiva, alle urne.

Nonostante la sua fiducia in questa logica di mercato, l’Occidente sta combattendo in modi che sarebbero stati ritenuti impossibili al culmine della globalizzazione negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000. Sanzioni economiche senza precedenti contro privati, esportazioni, industria, affari, finanza e stato russi sono la manifestazione di un contraccolpo del mercato molto diverso.

Lindblom ha affermato che qualsiasi tentativo del governo di modificare le condizioni di mercato porterebbe le aziende a rivalutare le proprie decisioni di investimento e i piani di espansione e a considerare di spostare le proprie operazioni in un altro paese. Possiamo vedere esempi di questo nell’esodo delle imprese occidentali dall’economia russa, mentre si affrettano ad adattarsi alle condizioni di mercato imposte all’economia russa dall’Occidente.

Punizione d, errato e cristallizzazione della valuta

Quando le imprese si ritirano dalla Russia, il concetto di punizione del mercato di Lindblom si cristallizza nella forma del calo del valore del rublo russo , un mercato azionario congelato , avvisi di disoccupazione e previsioni fino a un calo del 15% del PIL .

L’Occidente spera di infliggere una crisi del debito sovrano , un crollo del mercato azionario , una crisi valutaria e una recessione all’economia russa. Ha anche infranto una convenzione internazionale del dopoguerra e paralizzato la banca centrale di una grande potenza economica come prestatore di ultima istanza al fine di garantire che il declino economico sia profondo, inevitabile e inevitabile.

Ciò che è significativo qui è che questa risposta non è stata il risultato della Russia che ha sfidato le regole o le logiche dell’ordine internazionale in un senso puramente “economico”, modificando i parametri dello Stato e il suo rapporto con l’economia in un modo contrario ortodossie di mercato prevalenti. La Russia, come abbiamo visto, è inserita nell’ordine economico internazionale come molti di quelli che ora impongono sanzioni .

Le intenzioni dell’occidente

Piuttosto, l’Occidente ha dichiarato una guerra economica senza precedenti alla Russia di Putin e il potere del mercato è stato sfruttato per difendere i valori democratici. La logica di mercato è stata sostituita in questo caso da una politica estera ed economica basata sui valori.

Prima dell’assalto della Russia all’Ucraina le regole del gioco erano chiare: l’economia alla politica. Mosca potrebbe invadere parti dell’Ucraina nel 2014 e la Cina potrebbe prevalere sulla sovranità di Hong Kong senza un significativo contraccolpo del mercato. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha cambiato completamente le regole: la politica sull’economia.

Nonostante questo cambiamento, l’economia non è stata completamente soppiantata dalla politica. Le potenze liberali occidentali devono notare che sanzioni simili non saranno praticabili in nessun futuro confronto con il governo cinese, a causa delle dimensioni e dell’integrazione internazionale dell’economia cinese . Pechino pianificherà come resistere e aggirare sanzioni simili in futuro.

Le sanzioni alla Russia

Inoltre, l’Occidente si è trattenuto dal sanzionare il settore energetico russo a causa della sua forte dipendenza dal petrolio e dal gas russi. Anche se ‘Ostpolitik’ svanisce , la Germania in particolare ha esitato a imporre sanzioni al settore energetico . L’Unione Europea si affida alla Russia per il 40% del suo gas .

Sebbene alcuni paesi occidentali si siano impegnati a eliminare gradualmente la loro dipendenza dal gas russo, gli impegni rimangono ancora modesti. Ciò suggerisce che l’economia sta ancora giocando un ruolo limitato nella risposta internazionale alla guerra della Russia in Ucraina, rivelando che i governi occidentali temono ancora un loro contraccolpo di mercato.

Lindblom non ha mai pensato che sarebbe stato possibile, ma il libero mercato, i flussi di capitale, le società transnazionali e la finanziarizzazione sono stati tutti sfruttati per difendere un popolo libero e democratico attaccato da una dittatura. Il “politico” in “economia politica internazionale” è tornato, ma la vera battaglia per difendere le conquiste dell’ordine liberaldemocratico è appena iniziata. Sebbene appaia tutto molto più complicato di quanto dovrebbe, l’Occidente sta combattendo in modi che sarebbero stati ritenuti impossibili al culmine della globalizzazione negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000. Oggi ne subiamo le conseguenze.