Investimento Europa e Cina: quanto davvero è importante l’accordo

0

Il 30 dicembre l’UE e la Cina hanno concordato in linea di principio un accordo che disciplinerà i loro investimenti bilaterali in futuro.

L’accordo globale sugli investimenti (CAI) è stato proposto per la prima volta nel 2012, poiché l’Europa vedeva sempre più il suo futuro economico in Asia (pdf) e cercava legami più profondi con Pechino . Da allora le loro relazioni hanno subito un duro colpo, avvelenate dalla guerra commerciale USA-Cina e dalla repressione delle libertà civili a Hong Kong e nello Xinjiang. Molti – compreso chi scrive – pensavano che il CAI sarebbe caduto vittima di queste tensioni.

Ma non è successo. Il presidente cinese Xi Jinping è stato coinvolto per portare avanti i colloqui e il cancelliere tedesco Angela Merkel si è impegnata a raggiungere un accordo entro la fine del 2020.

La prospettiva europea

Da una prospettiva europea, la questione centrale in questo momento è se l’accordo è buono. Ci sono indizi da trovare in alcune delle concessioni dichiarate. L’UE ha tenuto sotto stretto controllo il testo dell’accordo, ma ha rilasciato diversi documenti (pdf) che ne delineano i punti chiave . Ne abbiamo tirati fuori alcuni in particolare che potrebbero non essere all’altezza della loro promessa:

Come hanno sottolineato alcuni critici, alcune di queste concessioni sembrano vittorie preesistenti travestite da nuove. Ma è questa la storia completa?

Forse l’accordo è valso la pena per la Cina in cambio della possibilità di anticipare l’obiettivo di Biden di creare una risposta congiunta alla Cina con gli europei e altri alleati in anticipo e via. i suoi termini. Per gli europei, che hanno fatto dichiarazioni audaci di autonomia strategica , è un’opportunità per dimostrare a Washington che non saranno spinti a ritirarsi da un accordo simile a quello che l’amministrazione Trump ha firmato con la Cina poco più di un anno fa.

L’Europa ha davvero vinto?

Nick Marro, principale analista del commercio globale per The Economist Intelligence Unit, ritiene che molte delle concessioni evidenziate dalla Commissione come senza precedenti siano un “riconfezionamento delle vittorie esistenti”. La Cina si è impegnata in importanti riforme di mercato dal 2017 e, sebbene alcune delle questioni contenute nel CAI siano nuove e degne di nota, gli analisti affermano che la maggior parte raddoppia gli impegni esistenti.

Nel frattempo, gli attivisti lamentano che l’Europa potrebbe aver compromesso le sue linee rosse. Ivi incluso come impedire che i sussidi vadano alle imprese statali che competono con le imprese europee. Temono anche che l’UE possa essere meno disposta ad affrontare la Cina (pdf) su lavoro e diritti umani su tutta la linea perché vuole che il CAI abbia successo.

Non è sbagliato affermare che in parte si tratta di un riconfezionamento. Tuttavia, dopo quasi un decennio di negoziati, crede che gli europei sapessero che questo era il miglior accordo che potevano sperare di ottenere. Mentre l’Europa sta affrontando un crollo finanziario a lungo termine causato dal Covid-19, la Cina dovrebbe crescere del 7,9% nel 2021 ed è stata l’ unica grande economia a crescere nel 2020.

L’investitore di Hong Kong David Baverez, francese, ha seguito da vicino l’accordo e ritiene che sia significativo per l’Europa, anche se alcune concessioni non sono rivoluzionarie. Baverez paragona gli accordi in Cina a lettere di intenti in cui le parti si impegnano a lavorare insieme. In molti modi questo conta più del contenuto, dice, che potrebbe non essere comunque implementato perché “l’ambiente in Cina cambia continuamente”. In questo modo, l’accordo è un gesto di buona volontà politica che andrà probabilmente a vantaggio delle aziende di entrambi i paesi.

Importanti nuovi elementi

Ci sono importanti nuovi elementi nel CAI, comprese le promesse di progresso sul cambiamento climatico e un impegno senza precedenti da parte della Cina a coinvolgere la società civile nell’attuazione degli impegni di sviluppo sostenibile. Il CAI contiene anche linguaggio sul lavoro forzato, una questione particolarmente delicata in Cina. La chiave qui sarà l’implementazione; la formulazione è vaga, alludendo solo all ‘”effettiva attuazione” delle convenzioni dell’Organizzazione internazionale del lavoro che la Cina ha già ratificato, e all’ “impegno a lavorare per la ratifica” di altre convenzioni in sospeso.

Se la Cina è in ritardo su uno di questi, il CAI prevede “un meccanismo di applicazione” basato sulla “risoluzione delle controversie da stato a stato”, nonché un modo per i funzionari di entrambe le parti di monitorare i progressi e segnalare urgentemente le questioni senza ricorrere contenzioso tramite il CAI o presso l’Organizzazione mondiale del commercio.

È ambizioso. Del resto lo ha recentemente sottolineato l’Economist Intelligence Unit, nello scenario parallelo dell’accordo commerciale di fase 1 tra Stati Uniti e Cina , firmato nel gennaio 2020. Poche società statunitensi “hanno espresso fiducia nell’utilizzo del sistema di risoluzione delle controversie di quell’accordo tra timori di ritorsioni e minacce a privacy aziendale.

Considerazioni finali

Il compito di discutere se valga la pena firmare questo accordo spetterà ai governi dell’UE e al Parlamento europeo , che dovrebbe votarlo nei prossimi otto o 12 mesi. Ma dopo sei anni di negoziati, molti eurodeputati affermano di essere stati colti alla sprovvista dal fatto che un accordo è stato apparentemente raggiunto entro una settimana, un giorno prima di Capodanno, senza che il testo dell’accordo fosse reso pubblico (la Commissione ha anche respinto queste affermazioni, dicendo che ha mantenuto il Parlamento coinvolto e aggiornato in tutto).

Reinhard Bütikofer, membro della commissione per gli affari esteri del parlamento e presidente della delegazione per le relazioni con la Cina, ritiene che il destino del CAI dipenderà dalla volontà dell’UE e delle altre democrazie di compartimentare le relazioni con la Cina. Cioè, può il blocco un giorno approfondire le relazioni commerciali e il prossimo essere ancora disposto a contestare le violazioni dei diritti umani della Cina