La delicata questione dei rapporti Cina UE

0

L’Unione Europea rimane una delle tre maggiori concentrazioni mondiali di attività economica, insieme agli Stati Uniti e alla Cina. Le decisioni prese dall’UE, e dalla Germania in particolare, avranno importanti effetti a catena su gran parte del resto del mondo

Il passaggio da un’economia a un mondo a un sistema a due mondi costringerà gli Stati a compiere scelte difficili. L’Europa è il banco di prova. Dopo la fine della Guerra Fredda, il mondo si è abituato all’idea di una singola economia globale, in cui le barriere politiche erano una preoccupazione secondaria o applicabili solo a quei paesi che adottano una deliberata politica di isolamento.

La storia ci insegna che…

Tale globalismo mondiale non era una considerazione nuova. Un idealismo simile fu una caratteristica verso la fine della seconda guerra mondiale – alla Conferenza di Yalta, all’istituzione delle Nazioni Unite e persino alla Conferenza di Bretton Woods – che persistette fino all’inizio del 1947. Come ha scritto lo storico Benn Steil, gli eventi arrivarono a un capo quell’anno. I leader negli Stati Uniti (USA) conclusero che la ripresa europea del dopoguerra non poteva più fare affidamento sul libero flusso del commercio con una sfera di influenza sovietica. Il risultato fu la divisione dell’economia europea e mondiale e la creazione del Piano Marshall, dell’Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT) e della Comunità europea del carbone e dell’acciaio.

L’Europa è ancora una volta il principale banco di prova per la futura coesione dell’economia internazionale. L’Unione europea (UE) rimane una delle tre maggiori concentrazioni mondiali di attività economica, insieme agli Stati Uniti e alla Cina. Le decisioni prese dall’UE, e dalla Germania in particolare, avranno importanti effetti a catena su gran parte del resto del mondo.

L’ipotesi attuale

L’ipotesi persistente tra le élite sia in Nord America che in Europa era che, nonostante le sue molte differenze, l’economia del Nord Atlantico sarebbe rimasta qualcosa di un tutto coeso. Riflette valori e storia condivisi ed era caratterizzata da fitte reti di scambi e istituzioni. I recenti tentativi di far avanzare l’autonomia strategica europea, guidati dal presidente francese Emmanuel Macron, potrebbero irritare gli americani, proprio come facevano una volta il gollismo e l’Ostpolitik. Ma a Washington stanno crescendo le preoccupazioni che le divisioni transatlantiche su questioni economiche globali vadano oltre la ricerca di autonomia.

A quanto pare, tali preoccupazioni si sono concretizzate dopo la finalizzazione, in linea di principio, di un accordo globale sugli investimenti (CAI) tra l’UE e la Cina a dicembre. I sostenitori del CAI sostengono che l’accordo era da tempo in fase di negoziazione; che non ha segnato una capitolazione su questioni come lo screening degli investimenti esteri diretti, i controlli sulle esportazioni o la disinformazione; e che garantisce un migliore accesso al mercato, condizioni di parità e obiettivi di sostenibilità in Cina.

Le critiche europee

Ma le voci di critica all’interno dell’Europa – in particolare tra la comunità strategica – sono state schiaccianti. La critica ha meno a che fare con le implicazioni economiche: ci sono diavoli nei dettagli e gli impegni della Cina sono discutibili. Ma l’accordo è stato comunque una vittoria politica inequivocabile per Pechino, il che potrebbe spiegare perché lo stesso Xi Jinping sarebbe intervenuto per garantire un esito favorevole. Allo stesso tempo, il peso delle critiche è stato rivolto meno a Bruxelles e più a Berlino, accusata di aver portato a termine l’accordo a stretto beneficio delle società di telecomunicazioni e manifatturiere tedesche.

Meno di due settimane prima che il CAI venisse concordato, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan si è rivolto piuttosto insolitamente a Twitter per esprimere preoccupazione e suggerire un ritardo prima di concludere l’accordo. “L’amministrazione Biden-Harris gradirebbe consultazioni tempestive con i nostri partner europei sulle nostre preoccupazioni comuni sulle pratiche economiche cinesi”, ha scritto. Mentre i leader europei avevano precedentemente indicato che i loro problemi con gli Stati Uniti erano una conseguenza dell’atteggiamento sprezzante dell’ex presidente Donald Trump, l’incapacità di lavorare con una nuova amministrazione americana – nonostante tali richieste pubbliche – suggerisce un malcontento più profondo.

La spaccatura con l’America

Ci sono alcune importanti tendenze compensative che suggeriscono che l’attuale spaccatura dell’Europa con Washington non è irreparabile e che il suo rapporto con Pechino non è privo di sfide. La prima è una conseguenza imprevista della Brexit. La frustrazione dell’amministrazione Biden nei confronti di Bruxelles ha portato a una cooperazione inaspettata con il governo di Boris Johnson a Londra, che è giunto indipendentemente alle proprie conclusioni su Pechino. La seconda è un’imminente transizione di leadership a Berlino, dato il ruolo fuori misura che la Germania ha svolto nel CAI. Terzo, anche gli sforzi cinesi in Europa hanno avuto difficoltà. Il recente vertice 17 + 1 – un formato un tempo percepito come un indebolimento della coesione europea – ha visto alcuni paesi partecipanti diminuire il loro coinvolgimento. Altre questioni,

In mezzo a queste turbolente correnti sotterranee, il settore privato europeo riconosce il dilemma che deve affrontare ora. La capacità di integrare catene di approvvigionamento, flussi di innovazione, dati, componenti critici e finanziamenti con Stati Uniti e Cina appare sempre più insostenibile. Ciò, nel tempo, si rivelerà costoso, ostacolando l’efficienza, la conoscenza e le economie di scala. Il dilemma non è unico.

Sia negli Stati Uniti che in India, il consenso politico si è gradualmente allontanato dall’eccessiva dipendenza economica dalla Cina. Nel caso dell’India, ha prodotto risultati specifici: un calo delle importazioni cinesi, un maggiore controllo degli investimenti e restrizioni sulle app digitali e sugli appalti pubblici.

Conclusione

L’evoluzione da un’economia a un mondo a un sistema a due mondi con le sue numerose ridondanze, a differenza dell’era successiva alla seconda guerra mondiale, sarà lunga e costosa. Le differenze tra gli Stati, anche stretti alleati, sono reali ma non necessariamente insormontabili. Invece, un maggiore impegno tra le comunità di sicurezza nazionale e il settore privato potrebbe essere la necessità del momento.