Le politiche fiscali dopo la pandemia: uno sguardo d’insieme

0
cessione del quinto

L’attuale pandemia di COVID-19 ha già provocato una risposta di politica fiscale senza precedenti di quasi $ 11 trilioni in tutto il mondo. Ma con i casi confermati e gli incidenti mortali che continuano a crescere rapidamente, i responsabili politici dovranno mantenere la risposta della salute pubblica la loro priorità n. 1 mantenendo le politiche fiscali di supporto e flessibili e preparandosi al cambiamento economico trasformazionale.

I responsabili politici dovrebbero affrontare la crescente povertà e disuguaglianza, nonché le debolezze strutturali esposte dalla crisi per prepararsi meglio agli shock futuri.
Di fronte a un forte calo della produzione globale, è stata necessaria una massiccia risposta fiscale per aumentare la capacità sanitaria, sostituire il reddito familiare perduto e prevenire fallimenti su larga scala.

Politica fiscale per la graduale riapertura dal Grande Blocco

La necessità di un’azione fiscale non finisce qui, poiché non siamo fuori dal bosco. Anche se molti paesi escono provvisoriamente dal Grande Blocco, in assenza di una soluzione alla crisi sanitaria, permangono enormi incertezze sulla via della ripresa.

La massima priorità è ancora la salute pubblica. Le politiche che attenuano i rischi per la salute contribuiscono sostanzialmente al ripristino della fiducia e della fiducia, aiutando così l’attività economica e l’occupazione e riducendo le tensioni sulle finanze pubbliche. E andando avanti, le procedure di contenimento precoce e mirate avranno costi economici e fiscali molto più limitati rispetto a un blocco generale. Dati accurati, tempestivi e completi sulla salute e sugli esiti socioeconomici sono essenziali per monitorare le epidemie e reagire rapidamente a esse e fornire fiducia alle persone sulla possibilità di gestire future ondate di contagio.

In secondo luogo, la politica fiscale dovrà rimanere solidale e flessibile fino a quando non sarà assicurata un’uscita sicura e duratura dalla crisi. Mentre la traiettoria del debito pubblico potrebbe spostarsi ulteriormente in uno scenario avverso, una ridimensionamento fiscale più che giustificato presenta un rischio ancora maggiore di far deragliare la ripresa, con maggiori costi fiscali futuri. I responsabili politici dovrebbero preparare piani contingenti che possono essere adattati in modo flessibile per gestire i rischi sanitari, economici e fiscali derivanti da epidemie ricorrenti. Per evitare ritardi nella consegna del supporto mirato, potrebbe essere necessaria una nuova generazione di stabilizzatori automatici.

Terzo, la crisi sarà trasformativa. Molti dei posti di lavoro distrutti dalla crisi probabilmente non torneranno. Sarà necessario facilitare il trasferimento di risorse da settori che possono ridursi in modo permanente, come i viaggi aerei, a settori che si espanderanno, come i servizi digitali.

Mantenere i livelli di debito sostenibili

La necessità di un costante sostegno fiscale è chiara, ma ciò pone la questione di come i paesi possano finanziarlo senza che il debito diventi insostenibile. Nel 2020, rispetto al World Economic Outlook di gennaio 2020 , si prevede che i disavanzi di bilancio saranno più di cinque volte superiori nelle economie avanzate (AE) e di più del doppio nelle economie emergenti (EME), portando a un balzo senza precedenti del debito pubblico rispettivamente di 26 e 7 punti percentuali del PIL.

Molti governi trarranno beneficio dai costi di prestito che sono ai minimi storici e si prevede che rimarranno tali per lungo tempo poiché la crisi aumenta i risparmi precauzionali e smorza la domanda di investimenti. Inoltre, con le economie che dovrebbero funzionare al di sotto del potenziale per un po ‘, le pressioni inflazionistiche rimarranno attenuate e così anche la necessità per le banche centrali di aumentare i tassi di interesse. Il debito pubblico dovrebbe stabilizzarsi nel 2021 (esclusi gli Stati Uniti e la Cina), spinto da bassi tassi di interesse e da un previsto forte rimbalzo dell’attività economica nella linea di base.

Tuttavia, si consiglia cautela. Esiste una grande diversità nei livelli di debito e nelle capacità di finanziamento tra i paesi e un’elevata incertezza sulle previsioni. I costi del prestito possono aumentare rapidamente, in particolare per le economie emergenti e i mercati di frontiera, come è avvenuto a marzo. Garantire un percorso di ritorno a bilanci fiscali sostenibili sarà anche fondamentale nei paesi che sono entrati in questa crisi con debito già elevato e bassa crescita. I governi dovranno perseguire un piano fiscale credibile a medio termine che si basi sul miglioramento della mobilitazione delle entrate, anche attraverso la riduzione al minimo dell’elusione fiscale, una maggiore progressività fiscale in alcuni casi, prezzi del carbonio e maggiore efficienza della spesa (ad esempio, eliminando i sussidi ai combustibili fossili). La comunicazione trasparente di qualsiasi piano contribuirà a contenere la potenziale volatilità nei mercati del debito sovrano nella transizione. Inoltre,

Politiche fiscali post-COVID 19

Una volta che il vaccino e le terapie efficaci contro COVID-19 saranno ampiamente disponibili, entreremo nel mondo post-COVID e sfuggiremo davvero al Grande Blocco. Ciò sarà possibile solo se la solidarietà internazionale consentirà l’accesso alle cure e ai vaccini per tutte le persone, sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. In quella fase, i governi dovrebbero reindirizzare la politica fiscale verso una crescita resiliente, sostenibile e inclusiva.

I responsabili politici dovrebbero affrontare la crescente povertà e disuguaglianza, nonché le debolezze strutturali esposte dalla crisi per prepararsi meglio agli shock futuri. Ciò include investimenti in sistemi sanitari più forti, reti di sicurezza sociale con risorse migliori e digitalizzazione. Le autorità dovrebbero sostenere attivamente investimenti rispettosi del clima che promuovono una crescita più verde, ricca di posti di lavoro e guidata dall’innovazione. La politica fiscale deve anche affrontare la disuguaglianza attraverso spese finalizzate all’accesso universale alla sanità e all’istruzione e ai sistemi fiscali progressivi.

Non è possibile prevedere con grande sicurezza come apparirà il mondo post-COVID 19. Di sicuro, le trasformazioni saranno profonde. Qualunque sia il futuro, richiederà politiche fiscali flessibili che facilitino i cambiamenti strutturali, affrontino la disuguaglianza e supportino la transizione verso un futuro più verde