Le sfide della società internazionale all’indomani del Covid

0
Planet in child hands on against green spring background. World Environment Day. World Mental Health Day concept.

Gli umani hanno sempre combattuto con le malattie sin dalla loro nascita su questo pianeta. Hanno visto endemie, pandemie ed epidemie. Questa lotta non è ancora finita. Il nuovo mondo moderno sta ancora combattendo con la pandemia COVID-19. Ha disturbato tutto il mondo, nonostante i progressi tecnologici. I paesi del terzo mondo colpiti gravemente da questo punto di vista.

Poiché mancano queste risorse, meno modernizzate ed economicamente meno stabili. Le persone e il governo di tutto il mondo stanno facendo del loro meglio per far fronte alle sfide poste dal COVID-19. Stanno lavorando sodo, elaborando strategie e facendo del loro meglio per affrontare il deterioramento delle condizioni dell’istruzione, dell’economia e della società.

Tutto parte dalla Cina

Nella città di Wuhan, in Cina, un piccolo focolaio ha ingoiato l’intero pianeta TERRA. La Terra è diventata una piscina stagnante e il mondo intero è sorpreso dal danno causato da un’entità così invisibile in un ambiente in cui il mondo sta pensando di colonizzare Marte. Si dice che questo incidente sia molto più distruttivo della seconda guerra mondiale. La Cina, la madrepatria di questo virus, è ora dichiarata libera da virus dopo una lite di cinque mesi. Anche altri paesi come la Corea del Sud e Singapore hanno avuto successo nel gestire la crisi. Purtroppo le cosiddette nazioni moderne del mondo sono ancora sotto la minaccia incombente. Anche se stanno facendo del loro meglio ma non sono ancora in grado di controllare.

La regola top: distanziamento sociale

Il distanziamento sociale è considerato la migliore regola in questo senso per salvare il sé. Per seguire questa pratica, i governi dei paesi del mondo hanno annunciato tra la gente di stare a casa. Non uscire non necessariamente. Hanno chiuso mercati, centri commerciali, scuole, parchi, università e tutti i luoghi in cui si sente la possibilità di sovraffollamento. In determinate circostanze il mondo è in una condizione di blocco. Dove si raccomanda vivamente di rimanere a casa e di non entrare in contatto con gli altri. Poiché questo virus si è diffuso molto con il contatto.

Come conseguenza di questo allontanamento sociale, l’economia mondiale si è fermata. L’istruzione dei bambini e dei giovani si è fermata. I centri commerciali, i parchi, i luoghi pubblici e le strade rappresentano l’immagine della natura selvaggia. Tutte e tre queste aree sono importanti. Le società e i governi hanno ideato diverse strategie per affrontare tutte le sfide. Stanno incoraggiando le persone con ogni mezzo a non farsi prendere dal panico ma a pensare saggiamente e ad agire saggiamente.

Innanzitutto per l’educazione dei bambini e dei giovani adulti che frequentano l’università, l’amministrazione e l’organizzazione hanno organizzato lezioni online. Dove gli insegnanti sono disponibili per gli studenti via Internet e diverse applicazioni come Zoom, Whatsapp o Hangout. Lezioni online sono state tenute agli studenti in modo che non si verifichi la perdita del loro studio. Più di diversi paesi hanno aperto alcuni canali che aiutano anche gli studenti nel loro studio. Il sistema di esame online, l’invio di incarichi online e il quiz o la discussione online sono parte integrante di questa metodologia. Tutte queste misure sono state prese in risposta al fatto che gli studenti non possono riunirsi in qualsiasi luogo più lungo il loro tempo potrebbe non essere sprecato.

Socializzazione battuta d’arresto

La seconda questione riguarda la socializzazione. Sociale, elettronico e la stampa in questo senso è di grande aiuto. Ha diffuso consapevolezza in tutto il mondo su ciò che deve essere fatto. Le persone ora indossano maschere pubbliche se escono di casa. Tentano di evitare strette di mano o qualsiasi tipo di contatto. Si assicurano di lavarsi le mani sicuramente per 20 secondi in modo che i germi possano morire. Seguendo le istruzioni del governo, le persone cercano di evitare la folla. I centri commerciali hanno ora meno movimenti di massa. I negozi hanno ora riparato le porte di entrata e di uscita.

Hanno segnato il posto alla distanza di 6 piedi in modo che le persone rimangano alienate l’una dall’altra. Numerosi negozi come quello della drogheria e delle farmacie, hanno assicurato che si potesse entrare dopo aver attraversato il tunnel di nebulizzazione spray. Anche la loro temperatura viene controllata all’ingresso. Le loro mani sono sterilizzate.

La crisi economica

Terzo, la sfida più importante è quella economica. A causa della chiusura dei mercati, dei movimenti limitati e della riduzione degli acquisti, l’economia di tutto il mondo è stata disturbata. Un tempo era come “è l’era della globalizzazione e dell’economia globale”. Ma dopo la pandemia la massima è cambiata in modo che “quel mondo sia diventato un ospedale globale”. Poiché è bloccato ovunque e tutti sono sotto osservazione in un ambiente chiuso. Quindi in questa economia ha avuto un duro colpo. Diversi lavoratori salari giornalieri hanno perso il lavoro. Da qui l’aumento della disoccupazione che ha gravato sul governo. L’intero commercio si è fermato. Quindi meno entrate i paesi stanno avendo.

Di conseguenza, i governi hanno iniziato a offrire i pacchetti di soccorso ai loro cittadini. Anche le Nazioni Unite, il FMI e la Banca mondiale hanno concesso aiuti umanitari ai paesi in via di sviluppo. I paesi ricchi stanno dando uno stipendio alla loro gente. Oltre a tutto ciò, le ONG e diverse altre organizzazioni e singole persone di ogni estrazione sociale stanno facendo del loro meglio per aiutarsi a vicenda. Stanno fornendo cibo, vestiti e materiale necessario ai non privilegiati. A livello globale, i paesi stanno cercando di compensare la perdita economica in modo che il commercio possa essere ripristinato.

Sono state prese misure per mantenere le cose in buone condizioni a un certo livello in modo che dopo gli effetti di questo caos possano essere reversibili