Mutui più convenienti del momento: ecco le migliori soluzioni per acquisto casa

0
mutui più convenienti

Ecco in rassegna i mutui più convenienti del momento per acquistare la vostra a casa, a tasso fisso o variabile.

Se sei alla ricerca dei mutui più convenienti di questo periodo di fine primavera, in questo articolo ti offriremo una piccola panoramica di quelle che sono le migliori opportunità per coloro che intendono acquistare casa nei mesi a venire. I tassi, al momento, stanno davvero rasentando il minimo storico per questo gli analisti consigliano di optare per i mutui a tasso fisso, mai cosi convenienti come adesso.

Se ipotizziamo che la richiesta di un mutuo provenga da un dipendente che vive nella provincia di Milano e che necessita di 135 mila euro da pagare in 25 anni per un immobile del valore di circa 180 mila euro, tra i mutui più convenienti consigliamo quello proposto da Intesa San Paolo. Per 25 anni di mutuo (300 rate mensili) si dovrà corrispondere una rata da 582,11 euro con un tasso applicato del 2,15% e un taeg del 2,33%. Le spese per istruire la pratica ammontano a circa 700 euro mentre il costo della perizia è di 320 euro.

Di poco superiore il preventivo offerto da WeBank che prevede, per le stesse condizioni indicate prima, una rata da 583,38 euro mensili e un Tan del 2,17% (Taeg 2,21%). In questo caso però non si dovranno sostenere costi per istruire la pratica e per la perizia. Questo tipo di prestito è concesso solo a coloro che risiedono in Italia da almeno tre anni mentre è obbligatorio che il beneficiario non superi i 75 anni di età al momento dell’estinzione del prestito.

Per coloro che stanno cercando mutui più convenienti a tasso variabile, ottima è la soluzione proposta da Deutsche Bank che prevede il pagamento di una rata da 506,34 euro mensili con un tasso dello 0,96% e un Taeg dell’1,05%. Il costo delle spese di istruttoria è di 700 euro mentre la perizia ha un costo fisso di 390 euro. In questo caso l’addebito diretto delle rate dovrà essere effettuato presso il conto corrente dell’obbligato.