Perché la caduta del prezzo del petrolio è preoccupante?

0

Quando il prezzo del petrolio è sceso sotto lo zero questa settimana, gli osservatori del mercato finanziario hanno tremato.la reazione non è stata semplicemente perché il prezzo di un barile di petrolio è sceso in territorio negativo per la prima volta nella storia. La preoccupazione, sentita in tutto il mondo e vicina a casa, sta nel prezzo del petrolio come indicatore della salute della più grande economia globale.

ll parere degli esperti

“È un indicatore dell’entità della riduzione dell’attività economica complessiva”, ha affermato Dan Sutter, con il Manuale H. Johnson Center for Political Economy della Troy University

“Più a lungo dura l’arresto, più non sarà chiaro se l’economia tornerà indietro quando elimineremo alcune restrizioni”, ha detto. La domanda di greggio è ciò che Sutter descrive come una misura cruciale dell’attività economica. “Il petrolio è principalmente il nostro carburante per i trasporti – guidare un’auto, alimentare un camion, alimentare gli aeroplani   – è il modo in cui trasportiamo noi stessi e le nostre merci”.

Se la domanda di petrolio aumenta, significa che vengono trasportate più merci in tutto il mondo. I consumatori acquistano e i produttori vendono merci. “Ma se gli affari vanno male, c’è meno domanda di carburante.”

Quando la domanda mondiale di petrolio stava raggiungendo livelli record, quello era “un segno di un’economia attiva molto fiorente e prospera”, ha detto. Ma con la pandemia COVID-19 arrivarono le casseforme delle imprese; la quarantena di milioni di persone in tutto il mondo; la cessazione quasi istantanea del viaggio, via aerea, nave o treno.

Come mai la svaluta del petrolio?

Ciò significa un eccesso di petrolio nel mercato che supera la domanda dei consumatori, e gli operatori che detengono il panico sui futures del petrolio che non hanno nessuno a prendere in consegna quell’olio perché i serbatoi sono pieni; la capacità di archiviazione non è disponibile; e la domanda dei consumatori non dovrebbe cambiare rapidamente. “Quello che è successo (lunedì) è stato come un gioco di sedie musicali … qualcuno non aveva una sedia e si è fatto prendere dal panico”, ha detto Sutter.

A parte il panico, il calo della domanda di petrolio ha spinto i fornitori di petrolio a limitare la produzione nel tentativo di stabilizzare i mercati, nella speranza che la riapertura dell’economia porterà ad un aumento della domanda di petrolio. Ma come e quando riaprirà l’economia continua a essere un fattore sconosciuto.

Come stanno rispondendo gli stati USA

Il governo dell’Alabama Kay Ivey ha affermato che lo stato rimarrà sotto un ordine di soggiorno fino al 30 aprile, anche se il tenente governo Will Ainsworth ha fatto pressioni per una riapertura responsabile delle piccole imprese e dei servizi, nonché la revoca di molti restrizioni, il più rapidamente possibile.

A livello nazionale, Georgia, Oklahoma e Alaska hanno iniziato ad allentare le restrizioni di blocco venerdì, nonostante gli avvertimenti di alcuni. Esperti di salute che i passi graduali verso la normalità potrebbero avvenire troppo presto.

Le persone sono divise: alcuni sostengono che l’economia sia chiusa per proteggersi dal virus, altre non sono d’accordo. E semplicemente non sappiamo come andrà a finire nel processo politico.

Sebbene di portata limitata e soggetti a restrizioni di distanziamento sociale, le riaperture di venerdì hanno segnato una pietra miliare simbolica nel dibattito in atto negli Stati Uniti – e nel mondo – sulla rapidità con cui i leader politici dovrebbero sollevare ordini di blocco economicamente dannosi.

Scenari simili si stanno manifestando in tutto il mondo e presto prolifereranno negli Stati Uniti mentre altri governatori lottano con priorità contrastanti. Le loro economie sono state colpite da settimane di perdite di posti di lavoro alimentate dalla quarantena e da crescenti richieste di disoccupazione, ma i funzionari sanitari avvertono che la revoca degli ordini di domicilio ora potrebbe innescare una ripresa di COVID-19.

Trump si dice ottimista

Durante un briefing stampa della Casa Bianca venerdì, il presidente Donald Trump ha parlato in modo ottimista dell’economia, ma ha anche chiesto alle persone di continuare a prendere le distanze sociali e usare i rivestimenti per il viso. “Stiamo aprendo il nostro paese. È molto eccitante da vedere “, ha detto Trump.

Il coronavirus ha ucciso oltre 190.000 persone in tutto il mondo, tra cui – a partire da venerdì – più di 50.000 negli Stati Uniti, secondo un conteggio della John Hopkins University da personaggi governativi. Si ritiene che l’attuale bilancio delle vittime sia molto più elevato. Nuovi casi sono in aumento in Africa e in America Latina quando i focolai si placano in alcuni luoghi colpiti in precedenza.

In Oklahoma, il governatore Kevin Stitt ha autorizzato l’apertura di attività di assistenza personale, citando un calo del numero di persone ricoverate in ospedale per COVID-19. Tali attività erano dirette a mantenere le distanze sociali, a richiedere maschere e a disinfettare frequentemente le attrezzature. Tuttavia, alcune delle più grandi città dello stato, tra cui Norman, Oklahoma City e Tulsa, hanno deciso di mantenere i loro divieti in vigore almeno fino alla fine di aprile.

Con decessi e infezioni ancora in aumento in Georgia, molti imprenditori pianificarono di rimanere chiusi nonostante il governo Brian Kemp assicurasse che le visite in ospedale e i nuovi casi si sono stabilizzati. Situazione abbastanza equilibrata da consentire a barbieri, tatuatori, massaggiatori e personal trainer di tornare a lavorare con restrizioni.

Il disegno di legge di Trump

Venerdì, Trump ha firmato un disegno di legge da 484 miliardi di dollari per aiutare i datori di lavoro e gli ospedali sotto stress a causa della pandemia. In pratica sarebbe l’ultimo sforzo federale per aiutare a mantenere a galla le aziende che hanno dovuto chiudere o ridimensionare. Nelle ultime cinque settimane, circa 26 milioni di persone hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione, ovvero circa 1 su 6 lavoratori statunitensi