Petrolio ancora in discesa, Brent ai minimi da 11 anni

0

Petrolio in ripida discesa: il Brent europeo perde il 4,2% e si ferma a 34,91 dollari il barile. E’ ai minimi da più di 11 anni. Il petrolio in picchiata è dovuto alla decisione presa ieri dall’Arabia Saudita di tagliare i prezzi dell’oro nero a tutti i Paesi europei compreso il nostro. Gli esperti pensano che la decisione del Paese arabo sia dovuto all’imminente ritorno sul mercato del greggio dell’Iran. Il Paese iraniano infatti dovrebbe già tornare in pole position dopo le sanzioni dell’Occidente dovute al suo programma nucleare.

La notizia è stata data dal Wall Street Journal, in un comunicato ripreso da Aramco, la compagnia di petrolio dell’Arabia Saudita. Anche gli Stati Uniti perdono colpi, il petrolio americano Wti è in calo, tra la fine degli scambi con l’Asia e l’avvio delle Borse europee, dell’1,31% a 35,50 dollari il barile.