Petrolio, l’Opec potrebbe estendere i tagli alla produzione al 2018: crolla il prezzo

0
borse europee

Sulla produzione del Petrolio incombe anche la minaccia del Tropical Depression Harvey, che potrebbe bloccare la produzione nel Golfo del Messico.

L’ipotesi che i tagli operati dall‘Opec alla produzione di petrolio si possa estendere anche fino al primo trimestre del 2018 ha mandato in picchiata il titolo legato all’oro nero, in questo momento quotato meno di 48 dollari al barile.
Secondo l’Opec, le scorte scendono più lentamente del previsto e i prezzi sono ancora lontanissimi dai 60 dollari al barile, la soglia richiesta dall’Arabia Saudita e da altri Paesi per accrescerne la produzione.

Gli ultimi rilevamenti in merito alle scorte petrolifere settimanali negli Stati Uniti ha evidenziato un calo di 3,3 milioni di barili attestandosi a quota 463,2 milioni di barili. Ciò significa che per l’ottava volta le scorte americane si sono ridotte. Dalla fine di giugno ad oggi il calo di barili giornalieri è arrivata a quota 46 milioni. Un dato in controtendenza rispetto alla produzione petrolifera americana che è cresciuta di 26.000 barili al giorno (9,528 milioni totali).

Ieri, il prezzo del petrolio è andato in archivio nella seduta a New York con un balzo che l’ha proiettato ben sopra i 48 dollari, mentre oggi è sceso molto al di sotto perdendo oltre un punto percentuale. Anche il Wti è arretrato dello 0,45% a 48,19 dollari al barile e il Brent dello 0,42% a 52,35 dollari il barile. Nei prossimi giorni i mercati volgeranno lo sguardo verso il Tropical Depression Harvey, che minaccia le coste del Texas e che potrebbe assumere la forza di un uragano di categoria I.

Gli operatori dell’area stanno già provvedendo a chiudere, in via preventiva, le piattaforme evacuando i lavoratori. Ciò comporterà una drastica riduzione alla produzione nel Golfo del Messico con conseguenze immaginabili anche sul prezzo del petrolio. Secondo gli analisti, il prezzo del greggio è destinato a rimanere, anche nei prossimi mesi ben al di sotto dei 50 dollari al barile.