Prestiti e cessione del quinto della pensione: le ultime news

0

Il mese di Marzo si è aperto con un interesse crescente dei risparmiatori più anziani nei confronti dei prestiti ottenibili tramite cessione del quinto della pensione, una soluzione per assicurarsi un finanziamento costante nel tempo senza doversi dare troppa preoccupazione su come monitorare le scadenze: si tratta infatti di una modalità di rimborso del debito contratto per l’accensione del prestito che avviene con una trattenuta alla fonte dell’importo dovuto, evitando di superare il 20% di quanto il pensionato percepisce.

Molti istituti di credito, vicini alle esigenze dei risparmiatori della terza età e pronti ad offrire nuovi prodotti per assicurare finanziamenti per cure, spese personali, o ristrutturazione di parte dell’immobile in cui vivono, propongono nuove offerte convenzionate con l’INPS, permettendo ai pensionati di ottenere benefici da subito, tra cui tassi di interesse inferiori sugli importi da restituire; condizioni di rimborso generalmente più favorevoli rispetto a quelli di altre alternative, tutela durante la durata del rimborso nel caso in cui si richiedesse una dilazione.

Molte filiali dedicate alla concessione convenzionata di questa tipologia di prestito incorporano inoltre un servizio di consulenza semplice e diretta, capace di completare da sé i passi necessari per avviare l’accensione del prestito, spesso anche collegandosi online con l’INPS per ricevere più rapidamente il nulla osta.

Tra le principali offerte di Marzo 2016 relativamente a prestiti effettuati con la cessione del quinto della pensione troviamo le proposte di BPM, che permette di ottenere tramite questa procedura un importo che va da 3000 a 64000 Euro, che è possibile rimborsare in un periodo tra i 2 e i 10 anni.  Segue poi la proposta in convenzione INPS di Pitagora Finanziamenti, che offre condizioni realmente interessanti: un prestito non finalizzato e con una richiesta di giustificazione che può permettersi di non essere presentata: il rimborso può avvenire entro 10 anni dall’accensione.

Un cedolino della pensione, un documento di identità e la richiesta può essere attivata nella grande maggioranza dei casi: la cessione del quinto è il nuovo metodo di finanziamento agevolato che guadagnerà sempre più terreno nei prossimi mesi.