Reddito di cittadinanza: modello ISEE e requisiti per ottenerlo

0

Le notizie del web e dei tg alla televisione parlano continuamente del reddito di cittadinanza. Si tratta non solo di una nuova misura che ha proposto il M5s ma anche di una promessa che i pentastellati hanno fatto agli italiani.

Il provvedimento ha trovato terreno fertile nel “decretone” il 17 gennaio 2019, tanto che è stato istituito addirittura un sito ufficiale. E infatti, lo scorso 4 febbraio il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio (nonché vice presidente del Consiglio), lo ha propinato in concomitanza con la RdC Card, la carta con cui sarà possibile, dal prossimo mese di aprile beneficiare del denaro che il Governo elargirà a chi versa in difficoltà economiche.

Il sito sul Reddito di Cittadinanza

Il sito web da poco allestito ad oggi dà soltanto tutte le informazioni in merito a quelli che saranno i requisiti, il calcolo e le modalità di presentazione della domanda. La sua valenza sarà piena a 360 gradi a partire dal 6 marzo. Dagli inizi di marzo dunque, la piattaforma sarà pienamente funzionante per effettuare le domande di richiesta del reddito di cittadinanza. La domanda quindi potrà essere presentata sia online, sia nei CAF sia negli uffici postali.

Una prima necessaria condizione per la domanda online è essere detentori delle cosiddette credenziali Spid: in caso si è sprovvisti vanno assolutamente richieste. Seconda cosa di cui munirsi è il modello ISEE;  di seguito i requisiti.

I requisiti del modello ISEE per fare la domanda

Al fine di conseguire la RDC Card, bisogna essere in possesso di determinati requisiti. Questo in virtù del fatto che si tratta di un provvedimenti optò a contrastare la povertà. Al contempo è una misura che ha l’obiettivo di aiutare il richiedente nel suo percorso di ricerca di un lavoro: motivo per cui esso viene concesso solo in presenza di determinate caratteristiche.

Per  inviare la domanda è importante essere muniti di un’attestazione Isee che faccia riferimento all’anno in corso (dunque al 2019) affinché l’INPS possa effettivamente controllare se il soggetto abbia o meno i requisito per godere del sussidio.

Sulla piattaforma dedicata al RdC si evince che il sussidio andrà a beneficio dei nuclei familiari con:

  • un valore ISEE al di sotto dei 9.360 euro
  • un valore del patrimonio immobiliare, che non ecceda i 30 mila euro
  • un valore del patrimonio mobiliare che non sia maggiore di 6 mila euro per il single, incrementato a seconda dei componenti del nucleo familiare (fino a 10 mila euro), e della presenza di più di un figlio (1.000 euro in più per ogni figlio oltre il secondo) o di componenti con disabilità (5 mila euro in più per ogni componente con disabilità).
  • un importo del reddito familiare inferiore a 6 mila euro annui, moltiplicato per il parametro della scala di equivalenza (pari ad 1 per il primo componente della famiglia, e maggiorato di 0,4 per ogni ulteriore componente maggiorenne e di 0,2 per ogni ulteriore componente minorenne, sino ad un max di 2,1). L’importo potrebbe concernere massimo 7.560 euro solo se la richiesta fatta è per la pensione di cittadinanza. Se il nucleo familiare ha un contratto di locazione, l’importo massimo arriva sino a 9.360 euro.

Ulteriori requisiti

Infine, avere accesso al reddito di cittadinanza, vuol dire che i componenti del nucleo familiare non devono possedere:

  • Vetture immatricolate per la prima volta nei 6 mesi pregressi alla domanda. O ancora veicoli di cilindrata oltre i 1.600 cc oppure motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, (con una immatricolazione per la prima volta nei 2 anni che antecedono la domanda). Queste regole non valgono se i soggetti sono affetti da disabilità, per cui i requisiti sono leggermente differenti
  • navi e imbarcazioni da diporto (art. 3, c.1, D.lgs. 171/2005).

Ricordiamo che l’ISEE rappresenta la situazione economica equivalente. Si appresta cioé ad essere uno strumento che consente la misurazione della condizione economica del nucleo familiare. Esso considera non solo il reddito, ma anche il patrimonio sia mobiliare che immobiliare.