Rumors dalla chiesa: Papa Francesco invita ad un nuovo modello economico

0

Un sacerdote e attivista argentino afferma che un vertice importante fissato per novembre nell’iconica città italiana di Assisi, la città natale di San Francesco, mostrerà la visione del papa che prese il nome di Francesco per una radicale riforma centrata sulla persona dello stato “patologico” dell’economia globale.

Le affermazioni dall’Argentina lasciano sperare

“Papa Francesco da Evangelii Gaudium a Laudato Si ha esteso l’invito a mettere in atto un nuovo modello economico che metta al centro la persona umana e che riduca le ingiustizie”, ha affermato padre Claudio Caruso, a capo di Cronica Blanca , un’organizzazione civile che riunisce giovani uomini e donne per esplorare l’insegnamento sociale della Chiesa.

Caruso ha organizzato un panel online per promuovere il vertice di novembre di lunedì 27 giugno, includendo due voci chiave nella lotta di Francesco contro quella che lui chiama una “cultura da buttare via”: il collega argentino Augusto Zampini e il professore italiano Stefano Zamagni. L’evento è aperto e sarà condotto in spagnolo.  Zampini è stato recentemente nominato segretario aggiunto del Dicastero vaticano per lo sviluppo umano integrale. Zamagni è professore all’Università di Bologna, ma è anche il presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, rendendolo uno dei laici di alto rango in Vaticano.

A loro si uniranno Martin Redrado, ex presidente della banca nazionale argentina (2004/2010), e Alfonso Prat Gay, ex presidente della banca del paese di Papa Francesco, e ministro dell’economia dal 2015/2016.

A  cosa serve questa nuova riunione evangelica?

Il pannello è stato progettato per far parte del processo di preparazione all’evento di Assisi, intitolato “L’Economia di Francesco”, in programma dal 19 al 21 novembre, dopo che la pandemia di coronavirus COVID-19 ha forzato il suo rinvio a marzo. È progettato per riunire circa 4.000 giovani studenti di economia avanzata, dirigenti di imprese sociali, vincitori del premio Nobel e funzionari di organizzazioni internazionali.

Prima che l’evento venisse rinviato, Zampini ha parlato con Crux del significato della proposta per un nuovo modello economico.”Come si realizza una transizione giusta da un’economia basata sui combustibili fossili a una delle energie rinnovabili, senza che i più poveri paghino per questa transizione? Come rispondiamo al grido dei poveri e della terra, come generiamo un’economia che serve, incentrata sulle persone, in modo che le finanze servano l’economia reale? Queste sono cose che dice Papa Francesco e stiamo cercando di vedere come metterle in pratica. E ci sono molti che lo stanno facendo. ”

Redrado ha detto a Crux che “The Francis Economy” è una “ricerca di un nuovo approccio, di un nuovo paradigma economico che combatte l’ingiustizia, la povertà, la disuguaglianza”.

Ci vuole,e preparazione  per parlare di economia

È la ricerca di un modello più umano di capitalismo, che elimina le disuguaglianze che il sistema economico mondiale presenta. E così si mostra la necessaria preparazione per parlare di economia. Il tutto, osservando che queste disuguaglianze sono anche visibili all’interno di ogni diverso paese.

Ha deciso di partecipare al panel perché, da quando ha studiato economia all’Università Nazionale di Buenos Aires, è stato segnato dalla dottrina sociale cristiana, in particolare Jacques Maritain, un filosofo cattolico francese e autore di oltre 60 libri che hanno sostenuto un “umanesimo cristiano integrale” basato sulla dimensione spirituale della natura umana.

Il libro di Maritain “L’umanesimo integrale” in particolare ha spinto questo economista a comprendere ciò che Francis Fukuyama ha detto dopo la caduta del muro di Berlino, nel senso che il capitalismo non è la fine della storia, ma pone nuove sfide per continuare a cercare un modello economico più integrale.

La leadership morale di Papa Francesco

Quella ricerca è quella che Papa Francesco conduce oggi con la sua leadership morale, intellettuale e religiosa, spingendoci e motivando economisti e responsabili delle politiche pubbliche a cercare nuove risposte alle sfide che il mondo ci pone

Queste sfide erano presenti prima della pandemia ma sono state “evidenziate con molta più virulenza da questa crisi sanitaria che il mondo sta vivendo”.

Redrado ritiene che sia necessario un modello economico più favorevole e, soprattutto, che promuova “la mobilità sociale verso l’alto, le possibilità di essere in grado di migliorare, di essere in grado di progredire”. Questo non è possibile in molti paesi oggi, ha riconosciuto, con milioni di persone in tutto il mondo nate in condizioni di povertà e che non dispongono di infrastrutture né di aiuti da parte di istituzioni statali o private che consentano loro di migliorare le loro realtà.

Senza dubbio, questa pandemia ha segnato le disuguaglianze sociali più che mai. Una delle grandi questioni post-pandemia [è] promuovere l’uguaglianza per connettere i disconnessi, con la banda larga e con i nostri bambini che hanno accesso a tecnologie informatiche che consentano loro di accedere a forme di lavoro meglio retribuite”.

Redrado si aspetta anche che le ricadute post-coronavirus abbiano implicazioni durature, seppure imprevedibili, per la politica.

Cosa cambia con il post pandemia

Molte cose si devono rivalutare alla fine della pandemia, e ogni società farà rieleggere o meno le autorità attuali. È ancora troppo presto per parlare dell’impatto che avrà sugli attori politici e sociali, ma senza dubbio avremo una profonda riflessione da ciascuna delle società e anche dalle classi dirigenti. Secondo gli esperti, andando avanti, le nostre società saranno molto più esigenti con i nostri leader e coloro che non lo capiranno saranno ovviamente fuori mano.