Se ci fosse coordinamento fiscale molti problemi si superano

0

La cooperazione tra paesi può aumentare le entrate, combattere la disuguaglianza e combattere il cambiamento climatico.

La tecnologia, la globalizzazione e il riscaldamento globale hanno cambiato il mondo e la tassazione deve tenere il passo. Con un clic del mouse, le persone possono spostare denaro oltre i confini e le aziende possono effettuare transazioni con i loro affiliati attraverso catene di approvvigionamento globali. La produzione dipende da risorse di know-how immateriali che possono essere localizzate ovunque. I datori di lavoro e i loro dipendenti possono lavorare in diversi paesi. Man mano che il reddito e i fattori di produzione diventano più mobili e con i cambiamenti climatici che minacciano il nostro pianeta , i paesi devono affrontare sfide fiscali che non conoscono confini nazionali.

L’evasione e l’elusione fiscale provocano la perdita di entrate che avrebbero potuto finanziare la spesa sociale o gli investimenti infrastrutturali. Inoltre esacerbano la disuguaglianza e le percezioni di iniquità. Le politiche nazionali egoistiche di un paese possono influenzare gli altri in modi dannosi. Se ciascuno stabilisce la propria politica fiscale senza tener conto degli effetti negativi altrove, tutti i paesi possono finire peggio.

Il nostro nuovo Fiscal Monitor mostra come un migliore coordinamento internazionale in tre aree – tassazione delle grandi società, condivisione di informazioni sulle partecipazioni offshore e adozione di prezzi equi del carbonio – possa avvantaggiare tutti.

Coordinamento in materia di tassazione delle imprese

La diffusa insoddisfazione per i bassi pagamenti delle tasse da parte delle principali multinazionali del mondo (nonostante i profitti annuali del 9% del prodotto interno lordo globale) ha stimolato un accordo rivoluzionario per modernizzare il sistema internazionale esistente e secolare. Nel 2021, 137 paesi hanno raggiunto una svolta nel coordinamento: la soluzione a due pilastri nell’ambito del quadro inclusivo . Con il 2022 destinato a essere un anno cruciale per l’attuazione dell’accordo, oggetto di un vivo dibattito politico in diversi paesi, il Fiscal Monitor ne misura i potenziali benefici.

Il primo pilastro dell’accordo prevede che una parte degli utili delle multinazionali debba essere tassata laddove i beni oi servizi delle imprese vengono utilizzati o consumati. Ciò significa che le aziende tecnologiche possono essere tassate dove si trovano i loro clienti, anche se i loro dipendenti sono lontani dalla loro base di clienti. In un mondo in cui il commercio digitale è ormai all’ordine del giorno, questo è uno sviluppo positivo. Mentre il nostro rapporto rileva che la riallocazione concordata delle entrate fiscali copre solo il 2% del profitto globale delle multinazionali, questo nuovo principio di tassazione pone le basi per una tassazione più efficiente rispetto alle tasse unilaterali sui servizi digitali.

Il secondo pilastro stabilisce un’imposta sulle società minima globale del 15%. In tal modo, pone un limite alla concorrenza, riducendo gli incentivi per i paesi a competere utilizzando le loro aliquote fiscali e per le imprese a spostare i profitti oltre confine. Alcune nazioni aumenteranno la loro tassa sugli utili “sottotassati” al livello minimo, aumentando le entrate fiscali delle società fino al 6% a livello globale. Invertendo la tendenza al ribasso delle aliquote dell’imposta sul reddito delle società, la riduzione della concorrenza fiscale potrebbe aumentare le entrate di un altro 8%, portando l’effetto totale al 14%. Tuttavia, il lavoro dovrebbe continuare per adattarsi meglio alle circostanze dei paesi a basso reddito, ad esempio per semplificare alcuni aspetti della tassazione delle società, rafforzare le ritenute alla fonte sui pagamenti transfrontalieri e condividere più informazioni paese per paese sulle multinazionali.

Coordinamento in materia fiscale delle persone fisiche

Proprio come le società, anche la tassazione degli individui (soprattutto i più ricchi) richiede un coordinamento transfrontaliero. Recenti fughe di notizie di documenti come i Panama Papers e i Paradise Papers hanno rivelato un enorme stock di ricchezza offshore e diffuse scappatoie fiscali. E con l’aumento delle risorse digitali che consentono un anonimato ancora maggiore, la condivisione delle informazioni sta diventando sempre più vitale. Al di là della perdita di entrate, i conti offshore opachi progettati per nascondere la ricchezza facilitano il trasferimento transnazionale di proventi corrotti.

Il coordinamento può fornire risultati tangibili e 163 paesi hanno concordato di scambiare informazioni nell’ambito del Forum globale sulla trasparenza e lo scambio di informazioni a fini fiscali . Tuttavia, si può fare di più per migliorare l’affidabilità delle informazioni, osserva il nostro rapporto. I paesi dovrebbero fare di più per promuovere i registri dei titolari effettivi, informazioni su chi possiede o controlla veramente un’azienda.

Alcuni paesi hanno già istituito tali meccanismi. Ma il modo in cui vengono implementati è importante: le informazioni provenienti dai registri dovrebbero essere centralizzate in un database pubblico. L’uso efficace delle informazioni rimane fondamentale per l’applicazione e i paesi a basso reddito dovranno sviluppare più know-how per realizzare i vantaggi della trasparenza.

Un altro fenomeno recente che richiede un maggiore coordinamento è la crescente mobilità della forza lavoro. Le opportunità per il lavoro a distanza transfrontaliero si sono ampliate, insieme al numero di economie che offrono visti per nomadi digitali destinati a persone altamente qualificate. Le stime suggeriscono che il lavoro a distanza transfrontaliero, date le differenze esistenti nelle aliquote fiscali tra i paesi, rialloca le entrate dell’imposta sul reddito delle persone fisiche tra paesi dell’1,25% delle entrate globali dell’imposta sul reddito delle persone fisiche. Il coordinamento acquisirà importanza in futuro per garantire un trattamento fiscale coerente tra i paesi in cui risiedono datori di lavoro e dipendenti.

Coordinamento sul prezzo del carbonio

Un’azione coordinata concreta è ancora più urgente per combattere il cambiamento climatico, perché il rapido aumento delle emissioni di gas serra ci sta facendo accelerare verso un riscaldamento globale disastroso di oltre il doppio del limite che gli scienziati considerano tollerabilmente sicuro.

Un prezzo minimo internazionale del carbonio è analogo a un’imposta sulle società minima globale. Ma qui alcuni paesi emittenti chiave possono accelerare il coordinamento e fare un inizio importante. Tale soglia scoraggerebbe le emissioni e allevierebbe i problemi di competitività. Limiterebbe il riscaldamento globale a 2 gradi Celsius o meno, adattando allo stesso tempo approcci alternativi (come la regolamentazione, attraverso il calcolo dei prezzi equivalenti). Un prezzo minimo internazionale del carbonio potrebbe anche consentire responsabilità differenziate per le nazioni a seconda del livello di reddito.

Mentre i governi sono alle prese con l’accelerazione dei prezzi dell’energia causata dalla guerra in Ucraina, dovrebbero sostenere le persone (idealmente attraverso trasferimenti mirati o sconti forfettari sulle bollette) piuttosto che sovvenzionare il consumo di combustibili fossili. E le risposte a breve termine non dovrebbero sminuire gli sforzi per investire nelle energie rinnovabili e in una maggiore efficienza energetica. I paesi che hanno già stabilito un percorso di graduale aumento per la tassazione del carbonio dovrebbero mantenere la rotta: gli aumenti previsti sono di gran lunga inferiori alle recenti oscillazioni dei prezzi, che derivano da shock globali. Le entrate dovrebbero essere utilizzate per garantire che tutti i lavoratori e le comunità beneficino della transizione verde. A livello internazionale, resta urgente concordare un prezzo minimo del carbonio (o misure equivalenti).

La storia ci dice che il valore della collaborazione è ancora maggiore quando contrastiamo le conseguenze economiche di pandemie o conflitti. Nello stesso spirito di cooperazione degli scienziati che lavorano insieme oltre i confini per combattere il COVID-19, ora è il momento di tassare meglio le società, combattere l’evasione fiscale e agire per un mondo più verde ed equo